.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -
Dal 1764 la voce dell'illuminismo a Milano.

26 novembre 2014

Documenti trapelati mostrano che la neutralità della rete è in pericolo! La Presidenza italiana ha presentato emendamenti al Pacchetto Telecom per il commento dalle delegazioni degli Stati membri.

Documenti trapelati mostrano la neutralità della rete potrebbe essere in pericolo!
Con Maryant Fernández Pérez
Il 14 novembre 2014, la Presidenza italiana ha presentato emendamenti al Pacchetto Telecom per il commento dalle delegazioni degli Stati membri. Stiamo facendo presente documento ei suoi allegati pubblicamente disponibili ( nota e addendum ). Questi documenti dimostrano che la presidenza italiana è ora marcia indietro sulla significative protezioni neutralità della rete - aver fatto già alcune proposte molto più significativo e positivo. Ha presentato un "basato su principi approccio" per gli Stati membri "in modo da non ostacolare l'innovazione e per evitare di" avere un regolamento obsoleto in futuro. In realtà, tutto il testo dovrebbe fare è aggiungere confusione per la libertà di comunicazione e di innovazione in linea.
Il testo propone la soppressione delle definizioni di "neutralità della rete". "Invece di una definizione di neutralità della rete ci potrebbe essere un riferimento all'obiettivo di neutralità della rete, ad esempio in un considerando esplicativo, che risolvere i problemi che la definizione potrebbe essere in contrasto con le disposizioni specifiche." Tuttavia, non significativo e applicabile accantonamenti netti neutralità, il diritto fondamentale di ricevere o di comunicare informazioni sarebbe ostacolata - con costi significativi per la crescita, gli investimenti e l'innovazione.

Inoltre, il testo rimuove la definizione di "servizi specializzati" all'articolo 23. La soppressione sarebbe in linea di principio essere una cattiva idea, finché non discriminazione è stato chiaramente sostenuta dal testo. Purtroppo, la proposta avrebbe raggiunto il contrario:

"Misure di gestione del traffico che bloccano, rallentano, alterare, degradare o discriminare specifici contenuti, applicazioni o servizi, o classi specifiche di ciò" potrebbe essere gestiti dai fornitori di servizi di accesso a Internet, in determinate circostanze, come ad esempio per "prevenire la trasmissione di non richiesti comunicazioni "(che sembra strano perché un servizio di e-mail non è un servizio di accesso a internet); per evitare che "il controllo della congestione temporaneo" (la cui natura eccezionale dovrebbe essere chiarito di non essere il default); o per soddisfare i loro "obblighi nell'ambito di un contratto con un utente finale di fornire un servizio che richiede un livello specifico di qualità che per l'utente finale" (che ha poco senso in Internet "best effort").

La più grande lacuna nel testo del Consiglio, tuttavia, è che l'articolo 23 non riesce a vietare la discriminazione sulla base della fatturazione. Permettere l'accesso "gratuito" per determinati servizi e accesso misurato a tutto il resto è tanto - e dannoso - una violazione della neutralità della rete e il diritto fondamentale della libertà di comunicare informazioni, come ogni blocco o il filtraggio. Se la gente deve pagare un extra per accedere al tuo sito web (o se si deve pagare società internet per permettere loro di farlo), allora l'essenza di Internet aperto è stato smantellato.

La proposta fa anche un bizzarro riferimento alla legislazione sia fatta salva la legittimità di "informazioni, contenuti, applicazioni [sic] o servizi" - anche se nulla nel testo potrebbe essere inteso come legalizzare contenuti illegali. Lo scopo di questo testo sembra consentire la diffusione arbitraria "volontaria" Blocco praticato in alcuni Stati membri dell'Unione europea, in particolare il Regno Unito. Se questo è il significato, allora è una violazione chiara ed evidente della Carta dei diritti fondamentali dell'UE.

In somma, quest'ultima proposta della Presidenza italiana avrebbe indebolito i diritti dei cittadini e annullare le forti disposizioni adottate dal Parlamento europeo nel mese di aprile 2014. Se approvato, il testo mancherebbe le protezioni tanto necessari per prevenire i fornitori di accesso a internet dalla creazione di un nuovo monopolio - l'accesso ai loro clienti. Con tutto il parlare della necessità di un mercato unico digitale in Europa, avremmo nuove barriere e nuovi monopoli.

I regolatori nazionali non avrebbero obblighi vincolanti chiare per preservare i diritti digitali e le libertà dei cittadini di default. Dopo le recenti dichiarazioni di Obama sottolineando l'importanza e la necessità di una vera neutralità della rete, è il Consiglio sta per suggerire di lasciare l'Europa nella corsia lenta?

Gli Stati membri sono e discuterà questo documento il Consiglio di oggi e di domani. Qualsiasi testo che viene adottato dovrebbe essere approvata dal Parlamento europeo prima di diventare legge.

Documenti trapelati (14.11.2014)