.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -
Dal 1764 la voce dell'illuminismo a Milano.

10 marzo 2015

Milano, ora di chi è?


Die menschliche Vernunft hat das besondere Schicksal in einer Gattung ihrer Erkenntnisse: daß sie durch Fragen belästigt wird, die sie nicht abweisen kann; denn sie sind ihr durch die Natur der Vernunft selbst aufgegeben, die sie aber auch nicht beantworten kann, denn sie übersteigen alles Vermögen der menschlichen Vernunft.“ – Immanuel Kant

la prima
Quando arriva un vicino di casa così rumoroso, nella storia della Città il primo che si è comperato tutta una Porta (Porta Nuova) impossibile ignorarlo, sopratutto se si chiama Tamim bin Hamad Al Thani. 
Lo sappiamo felicemente  sposato con bellissime donne.  La prima moglie Sheikha Mariam bint Muhammad Al Thani, figlia del cugino di primo grado,i due hanno due figli e sei figlie. 
La seconda moglie è Mozah bint Nasser Al Missned (nata l'8 agosto 1959 ad Al-Khor), i due hanno cinque figli e due figlie.
la seconda
Hamad ha anche una terza moglie, Sheikha Noora bint Khalid Al-Thani, figlia  di un suo Ministro degli Interni. I due hanno quattro figli e cinque figlie, in totale 24 figli. E poi dicono che i soldi non fanno felici! Complimenti Hamad  !
Complimenti!
 Qui tra i poveretti, non abbiamo mai avuto il piacere di conoscere un Emiro (in arabo: أمير, amīr), che significa letteralmente "comandante" quello che detiene l'autorità per emettere un ordine e per vederlo eseguito. Un Titolo  Reale per i monarchi arabi in alcuni paesi islamici. ("chissà se qui in Italia qualche furbino per mantenere o acquisire potere potrebbe organizzare l''Albo degli Emiri" tipo quello dei Giornalisti!").

Essere Emiro  per di sé non avrebbe alcuna valenza spirituale, ma acquista un significato del tutto particolare quando si fa riferimento all'espressione araba Amīr al-muʾminīn, cioè "Comandante dei credenti" che dall'epoca del secondo Califfo ʿUmar ibn al-Khaṭṭāb, divenne il perfetto sinonimo di "Califfo". 
Emiro  ha un significato caratterizzato dalla sola valenza militare o politica e quindi serve a indicare i regnanti anche di grandi entità statali, ma teoricamente posti su un gradino inferiore comunque al Califfo. (Potrebbe essere un nuovo Garibaldi?).
Intanto per noi di Porta Nuova e Garibaldi questa operazione è costata moltissimo, appalti, riqualificazione dell’area , perdita di terreno  a verde, inquinamento, ecc.
Una operazione strategica per la Città con un preciso indirizzo di marketing. Come al solito realizzata  senza trasparenza, con operazioni particolari,  piani Comunali, ecc . 
Inimmaginabile quanto abbia fruttato. 
Ripetiamo tutto fatto senza trasparenza, pertanto possiamo solo immaginare (sporche insinuazioni?) conoscendo chi  e come vanno le cose non trasparenti !
Quando è partito il progetto la sinistra di allora si oppose insieme a molti cittadini, ma guai a chi criticava, veniva individuato e indicato quale nemico del bene comune... 
Otre a quanto anche  economicamente Porta Nuova ci è costata, dobbiamo pensare al sacrificio per i cittadini, le difficoltà di circolazione, e per chi abita nelle adiacenze al quartiere Isola la scomparsa del sole dalle loro finestre ora ombreggiate dall'imponenza delle costruzioni, la svalutazione degli immobili vicini, una situazione riguardo alla deviazione di falde acquifere che ci ha condotto sino agli ultimi allagamenti dell'Isola nel 2014! 
Lavori svolti senza studi sull'influenza del microclima in città!.
Tutte queste questioni sono state superare  anestetizzando la gente con Campanilismi e orgoglio Nazionale, il sostegno dei media con diverse motivazioni, "per la più grande Banca italiana" "con , la speranza di un miglioramento e di una qualità di vita migliore" ecc.!.Peccato che le analisi erano solo della parte di coloro che ne hanno avuto interessi e esagerati guadagni.
Già perché parliamo del  il grattacielo residenziale più alto d’Italia, la Torre Solaria (143 metri di altezza), delle torri Solaria e Aria (rispettivamente 34 e 17 piani) che svettano vicino al Diamantone, l’altro grattacielo simbolo della maxi-riqualificazione urbana Graribaldi Porta Nuova!. Oltre  l’Hotel Gallia (recentemente riaperto a Milano dopo una radicale ristrutturazione) e gli uffici milanesi di Credit Suisse. 
Hotel Galiia
E via, Via, sino a Porta Garibaldi con il progetto Porta Nuova di Hines, Italia Sgr, del fondo Porta Nuova Garibaldi. L’operazione con il coinvolgimento di circa 20 istituti di credito. 
Questa è stata la Politica di Marketing del Comune di Milano, le altre città Europee cercano cervelli e libertà di pensiero per i giovani, qui a Milano si chiudono i Centri sociali le Sezioni dei Partiti, in questa zona si sono chiuse sedi che si opponevano. Una escalation che vede sempre più repressi e sfruttati i cittadini poveri, con sfratti e una Polizia capace di picchiare  e garantire i ricchi Politici!.  
Senza dimenticare una politica sulle case Popolari in questi anni che ha visto arricchire politici e amministratori, che ha visto il doppio sfruttamento della gente sia da parte del datore di lavoro che da parte dell'amministrazione ALER con affitti esagerati per case inquinate dall'amianto!  Il tutto in un clima di repressione, nei confronti della gente, negata al solo scopo di arraffare le tangenti che si sono presi i vari amministratori in nome del Diritto di Sussidiarietà! VERGOGNA!  
Ora intanto per tutto il male che ci hanno fatto è già iniziata l'operazione "OBLIO!"
Amministrazione  ALER
Immaginiamo cosa ci racconteranno alle prossime Elezioni Comunali, anzi hanno già iniziato a raccontarci, certamente non dovrebbero dimenticare questo nuovo assetto della Città e discutere il cambiamento della strategia di Marketing con i cittadini, ma in nome del mantenimento del Loro Potere e per continuare a guadagnare soldi sulle nostre spalle, quanto seguirà sarà la solita strategia dell’opportunismo sin ora attuata in Italia. Il prossimo Sindaco calcherà il trono di sindaco in nome da una parte del populismo e dall'altra della "Sussidiarietà" in proseguimento di della gestione Formigoni! 
I Cittadini milanesi si possono concretamente rendere conto di non contare nulla, o forse  è il Sindaco che non conta proprio niente, Certo è che se avessimo la nazionalità del Qatar staremmo molto meglio perché anche facendo un lavoro qualsiasi guadagneremmo 6000 euro al mese, mentre qui si fa fatica ad arrivare a fine mese! (ndr. analizzzare l'aspetto di marketing del Qatar).

I Partiti politici Italiani rivedano le menzogne che ci stanno raccontando  coerenti con la la loro politica dovrebbero parificare i cittadini alla nuova logica di Marketing della Città, perché 1000 euro a Milano non valgono nemmeno 500 Euro nel resto d'Italia e l'aumento dei prezzi in Lombardia è sull'onda lunga della Svizzera!
Qui il referendum sulla Lombardia dovrà esprimersi ma purtroppo già sappiamo come andranno le cose! 
Ma alla fine chi sono questi nuovi vicini?
- Questi momenti sono pervasi dalla paura del il terrorismo e i media ci spaventano e intimidiscono la vita,  per noi ci si propone solo come antagonisti emozionali naturali, mentre il Potere sembra possa giocare la doppia carta. Nulla da eccepire poiché le cose vanno così ma almeno fate vivere anche noi meglio!
Terrorismo che viene dall’ISIS & Co.  dall'ignoto,  ciò che non conosciamo che ha un grande potere economico e da dove viene, certo se ci fosse trasparenza si saprebbe, ma nessuno vuole la trasparenza!. Come l'hanno creato lo disferanno quando non servirà più.
Come Cittadini non abbiamo un intelligence, ma abbiamo "domandato" al un altro vicino, però non molto simpatico in questo momento, perchè  Russo. Secondo "Lui e non solo",  il  Qatar, negli ultimi anni, è stato accusato da diversi esperti , dai media e da personalità politiche di diversi paesi  di fare sponsorizzazioni e dare ogni tipo di sostegno alle organizzazioni terroristiche islamiste come al-Qaeda, i Fratelli Musulmani , i Talebani, Hamas, Islamic State Jabat e El Nusra. ("Cazzo! Eppure queste info sono di comune conoscenza ma nessuno al potere le dice!!).
Però contemporaneamente, l'Emiro, temendo la reazione per il meccanismo di finanziamento del terrorismo è stato coinvolto nei cosiddetti enti di beneficenza islamici come "jamiyya Qatar Al-Kheir", "Lo sceicco al-Kheir Idd" e altri, internet con fonti attendibili e Wiki è piena di queste indiscrezioni.
Svegliatevi, ormai chi non fa così? Tutti dicono una cosa e il contrario della stessa,  è come un antinomia (dal greco αντι, preposizione che indica una contrapposizione, e νομος, legge). Ndr.NB: Se avete dei problemi a comprender questi atteggiamenti L'illuminismo vi può aiutare  con le antinomie della ragione pura che il nostro Amico Kant ha illustrato.Siamo in questa situazione a Milano  anche se ci siamo molto rovinati con la gestione fascista "Decorato".
Nel Qatar la libertà di espressione è molto limitata e ha subito un blocco dopo sentenza di ergastolo per il poeta Muhammad al-Ajami a causa delle critiche che aveva fatto contro il governo alla conferenza di Doha nel 2012 .Forse in un altra antinomia o solo furbizia  è curioso  che il canale di notizie Al Jazeera abbia la sua base in Qatar e voglia far informazione, poi giornali in lingua inglese , che sono The Peninsula , il Gulf Times , Qatar Tribune e il Khaleej , con articoli sempre più critica sociale leggeri a livello Corriere della Sera, che in particolare affrontano la situazione dei lavoratori non-Qatar che sono l'80'% della popolazione.
Poi abbiamo la monopolista Qatar Telecom (Qtel 2013 rinominato Qtel ) nelle proprie audio rete di dati e di comunicazione video di servizi come MSN Messenger , Yahoo Messenger o Google TalK.  Con Skype si può chiamare e chattare senza restrizioni.
La Libertà non esiste perché alcuni siti web sono soggetti a censura. Quando si chiama alcune pagine l'utente viene reindirizzato alla pagina del Qatar Telecom.  Vi troverete la dichiarazione: ". Questo sito è stato bloccato da Internet Qatar come il contenuto contiene materiali che sono vietati nello Stato del Qatar" (la pagina è stata bloccata da Internet Qatar, dal momento che i contenuti sono materiale è vietata Stato del Qatar.) Questo viene fatto  sopratutto quando si chiama siti con contenuto pornografico o sessuale, ma per esempio anche chiamare Yahoo gruppi e comunità simili.
Per la libertà di stampa l' indice di Reporters sans frontières Qatar è stato classificato alla posizione 120 posto nel 2015 tra gli ultimi.  Si parla di una massiccia censura, soprattutto per le pubblicazioni critiche. La legge sulla stampa adottata nel 1979 dispone che il governo può, in qualsiasi momento estendere i divieti.  Reporters sans frontières è profondamente preoccupato per un indurimento nell'atteggiamento delle autorità del Qatar.
Una certa libertà di culto è consentito per i lavoratori stranieri e turisti, a condizione che la pratica della loro religione rimanga discreta e si astiene da qualsiasi segno esterno associato a questa religione.
In materia di privacy, la sharia proibisce qualsiasi rapporto sessuale al di fuori del matrimonio, le relazioni extraconiugali sono vietate, e l'omosessualità è punibile con la morte. La pena di morte è ancora in vigore, e che le punizioni corporali, inclusa la fustigazione.
La situazione dei diritti umani in Qatar è una delle principali preoccupazioni di molte organizzazioni non governative , anche se miglioramenti significativi sono stati registrati da quando Sheikh Hamad ha preso il potere a metà degli anni 1990 sotto il suo governo, l 'emirato ha conosciuto un periodo di rapida liberalizzazione e modernizzazione, pur mantenendo la propria identità islamica. 
Tra le altre cose, il Qatar è noto per essere il primo paese negli stati arabi del Golfo Persico per dare alle donne il diritto di voto. La possibilità per le donne di occupare posti di lavoro qualificati è aumentato, tra cui il cercare e il mantenere cariche elettive .
Per chi vuole andare a lavorare ( lavoratori stranieri , etc.) la  legge sulla cittadinanza, pone particolare attenzione ad evitare che i lavoratori migranti ottengano la cittadinanza del Qatar. I bambini stessi non acquisiscono la cittadinanza del Qatar quando nascono in Qatar, anche se la madre è lei stessa Qatar.
Le condizioni di lavoro e di vita dei lavoratori migranti in Qatar sono a volte disumane. L' ONU ha chiesto Qatar più volte spiegazioni. Per molti immigrati, i diritti umani sono violati nei loro luoghi di lavoro, alcuni non ricevono la paga, o sono pagati meno dell' accordo". ha detto il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti dei migranti, François Crépeau. Per i lavoratori  provenienti dall’ Asia meridionale ,  i lavoratori nei cantieri, sono a rischio di grave sfruttamento e abuso , a punto che a volte si può parlare di lavoro forzato o la schiavitù !
Lo stipendio medio di uno straniero in Qatar di circa 2mila dollari al mese, mentre un del posto guadagna una media di quasi 6mila dollari al mese lavorando 39 ore a settimana se impiegato pubblico. 
Come si vive nel Qatar? Esistono tre grandi catene principali di supermercati : Carrefour dappertutto , Lulu catena Indiana presente in tutto il Golfo e Al Meera locale prezzi bassi ma da prendersi il colera se ci si entra .
In questi 3 posti, si puo' fare la spesa tranquillamente per i prezzi bassi e le buone offerte speciali sui prodotti a marchio della casa (tipo 5 euro per due fusti di 4 kg di detersivo. I supermercati hanno anche il loro reparto di mangiare pronto , (cose per la casa, a prezzi abbordabili , linee super scontate , abbigliamento , etc ....   
Con 1000 Riyal al mese , circa 200 euro , si può mangiare escludendo i ristoranti . Questo senza prodotti importati. Per fare la spesa solo di cose importate, importate soprattutto dall' Italia sono quelle più' care, il doppio pacco in offerta speciale dei cornetti Bauli  più 5 euro,  il pacchetto di caffe' Lavazza a 10 Euro,  la bresaola Italiana costa circa 20 Euro per 100 grammi , i formaggi Italiani costano il doppio di quelli Francesi , e i ristoranti Italiani, sono quelli piu' cari . 
Poi, ci sono i supermercati per chi ha soldi Spinneys , con solo importazioni dall'America e dall'Europa , prezzi inimmaginabili , Dean & De Luca  ecc. 
Vi sono poi dei negozietti a prezzi stracciati presenti in tutta la città'  gestiti da Indiani, Bengalesi e Asiatici vari , basta fare un grido dalla macchina, arriva subito il commesso , e tutto viene portato in macchina . 
Un pieno per un'utilitaria, costa circa 6 Euro . 
Affittare una casa , generalmente e' compito del datore di lavoro, che fornisce direttamente le case della ditta   c'e' chi guadagna 4000 mila euro al mese e ne prende 3000 per la casa .... o c'e' chi ne prende 1500 euro al mese e ha solo 500 euro di soldi per la casa ,con questa cifra si  affitta  una stanza i in condivisione con bagno privato la cucina con gli altri inquilini . (Insomma come già avviene a Milano!).
I trasporti pubblici qui sono molto scadenti , gli autobus sono a circa 10 centesimi a corsa e sono usati dai vari Asiatici con stipendio di 200 Euro al mese , ci sono i taxi che se sono onesti mettono il tassametro e con 5 euro si puo' andare da una parte all'altra della città' , se il tassametro e' rotto la corsa e' gratis.
Andare al ristorante e' una cosa molto fattibile . Ci sono posti per tutte le tasche, catene dei soliti fast food internazionali , va molto il buffet, che va dai 10 ai 100 Euro a persona bevande escluse . I bambini sotto i 10 anni mangiano gratis e dai 10 ai 12 anni pagano la meta' .
Comparando i due sistemi quello Milanese e quella del Quatar non vi sono molte differenze, per il momento un po più di libertà (non abbiamo la Sharia ma immaginiamo si possa preparare in versione anche Cattolica), il Potere si sta dando da fare per sistemare la situazione. 

La Storia di Milano ha visto passare Austriaci, Francesi, Spagnoli, Papalini, Romani, ecc. Ci siamo sempre adattati e siamo riusciti a resiste, oggi pochi Milanesi sono riamasti, da classe dominante è diventata classe asservente,  tutti quelli che vengono comandano secondo loro logica e filosofia una città e dei cittadini saccheggiati e derubati,  resistere è difficile, sarebbe almeno ora che per i Milanesi si riconoscesse una specie di protezione di aiuto, almeno come quello che da la protezione animali, già anche per questo nuova milano come per l' Expo 2015 il costo più alto lo hanno pagato i cittadini Milanesi!