.

Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio. "- Tucidide. Θουκυδίδης, Thūkydídēs -Atene,ca. a.C. 460 a.C.- dopo il 440 a.C. -
Dal 1764 la voce dell'illuminismo a Milano.

22 ottobre 2015

calunniate, calunniate, qualcosa resterà....

E’ una pratica politica tra le più seguite nelle dittature, e il Vaticano è sicuramente la più antica monarchia assoluta, dove vengono selezionate menti molto raffinate, in grado di fare i migliori calcoli politici. In effetti, di fronte a un papa così esplosivamente innovativo e così visceralmente contrario ai metodi curiali (uno che nomina pochissimi cardinali italiani e li sceglie vescovi di diocesi minori; uno che dice che fare il vescovo non è come fare il direttore di banca che fa carriera passando a sedi sempre più grandi; uno che prudentemente vive fuori del Vaticano, dove, quando ci va, non prende neanche un bicchiere d’acqua...) cosa di meglio che insinuare che è un po’ matto? non per colpa sua, beninteso, avrebbero dovuto accorgersene a suo tempo i gesuiti che lo hanno selezionato, ma per via di un piccolo tumore benigno che chissà cosa può combinare nella testa di un vecchietto.... E’ il metodo che già usavano i potentissimi sacerdoti di Ammon per influire sulla successione dei faraoni: quello che cominciava a disturbare, gli facevano la trapanazione del cranio, per il suo bene, beninteso, e regolarmente ci restava secco. 
Vita lunga ce l’hanno solo i papi veramente ammalati,come Woijtila, che delegano tutto alla curia e fanno solo le p.r.: questi li fanno santi, anche se hanno avallato la santità dei ricchissimi plagiatori dell’Opus Dei e stavano per fare qualcosa di simile con degli autentici delinquenti come i legionari di Cristo, meno ricchi ma più generosi, anche se hanno coperto la mafia dei pedofili e annullato la scomunica dei lefevbriani, anche questi ricchissimi... Il povero Ratzinger non ha avuto il coraggio di cacciar via i mercanti dal tempio, ma ha raccolto la documentazione e continuato a nominar cardinali poco curiali: quando è stato certo di una maggioranza nuova in conclave, ha colto tutti di sorpresa dimettendosi, prima di farsi condizionare per debolezza senile...E consegnando al successore la documentazione, che era riuscito a nascondere persino all'infido maggiordomo...
Claudio Bellavita